Cerca Prodotti

Ricerca semplice in 3 passi

Come scegliere il mixer giusto per piano bar o karaoke?

Siamo al secondo appuntamento dedicato alla scelta del mixer giusto. In questa puntata parliamo di una delle attività musicali più diffuse nel nostro Paese, il pianobar. Abbiamo però pensato che un mixer che possa andare bene per il pianobar possa funzionare benissimo anche per il Karaoke, altra forma di intrattenimento molto amata fin dagli anni 90. Quindi, via con la lettura.


Il Pianobar è unattività di intrattenimento musicale da molto tempo in voga ma che ha conosciuto un grande sviluppo in Italia fin dai primi anni 90, grazie anche al progressivo diffondersi delle tastiere elettroniche multitimbro e dei lettori di basi musicali.
A ben vedere infatti unabitudine comune tra chi fa pianobar è luso di di basi preregistrate, una moda” che deve la sua diffusione in concomitanza della comparsa sul mercato di strumenti adatti allo scopo, chiamati generalmente expander” ed in grado di trasformare dei file digitali in vere e proprio canzoni. Il file in formato MIDI è stato - ed in parte è ancora - il vero protagonista di tale rivoluzione, salvo passare in periodi più recente a player e supporti più performanti e dalla qualità sonore superiori.
Anche il Karaoke, che è una pratica nata in oriente e sbarcata in Italia col celebre programma televisivo di Fiorello del 1992, fa uso di basi musicali ed in questo caso, una serie di cantanti spesso amatoriali, per puro spirito ludico, si cimentano nella performance dal vivo di fronte ad un pubblico divertito e partecipe.



Il mixer giusto? Semplice e funzionale!
Passando agli aspetti pratici, che sono quelli che interessano a noi, la parola d ordine è senza dubbio semplicità! Come avrete già capito, a differenza di una situazione in cui ci sono molti strumenti da amplificare (leggi il primo articolo), in questo caso il numero dei canali è certamente ridotto. Soprattutto in un Karaoke la semplicità di utilizzo è una delle prime esigenze alle quali far fronte, dato che, proprio per l intento amatoriale, è facile che ad operare alla strumentazione ci siano persone senza necessariamente conoscenze tecniche professionali.

La tipica performance di pianobar si compone di un musicista che suona e canta e, talvolta, un altro musicista ospite anch'esso con microfono e strumento per un totale di una manciata di canali. Difficilmente infatti che nella sua formula tipica il pianobar comprenda più di due musicisti. In caso contrario si parlerà più di trio o di piccole band e questo è un discorso che abbiamo già affrontato…


Per il Karaoke i canali potranno addirittura scendere ulteriormente in quanto a numero, essendo sufficienti due canali stereo per la base ed un paio di input microfonici per i cantanti.
In entrambi i casi, pianobar e karaoke, i sistemi wireless, senza filo, sono quelli ad essere preferiti per i microfoni dei cantanti e, a tal proposito, potrete trovare qualche indicazione nella nostra appendice sotto.

Non dimentichiamo però che, ancora una volta, sarà sempre auspicabile prevedere almeno una linea AUX dedicata al monitoraggio dei cantanti: ascoltare la propria voce dall impianto di diffusione principale, bench é sia una cosa abbastanza diffusa, non rappresenta mai una condizione ideale.


Canali, uscite, effetti

Se dovessimo consigliare a questo punto un numero di canali adatti a pianobar e karaoke potremmo dire che un minimo di 4 canali potrebbero bastare.
La base musicale in stereo (si potrebbe andare benissimo usare due IN sbilanciati) proveniente da un qualsiasi player e due canali dedicati ai microfoni.
Se però volessimo prevedere qualche canale spare”, ossia di scorta, per microfono o base musicale, così da evitare il più possibile imprevisti durante il live, un numero leggermente maggiore di input potrebbe sicuramente essere altrettanto consigliato. In generale però, e per approssimazione, difficilmente può servire un mixer con più di 8 canali.
Ma se la differenza di prezzo non fosse così consistente meglio qualche canale in più che in meno...


Lo Spare

Spare significa letteralmente scorta” in lingua inglese, ed il concetto non necessita certo di essere spiegato ulteriormente. Senza voler entrare in complicate discussioni in merito ai livelli layer” di sicurezza, si sappia che prevedere un piano B” può talvolta salvare la serata.
Linterruzione di una base, o peggio il tipico talking fish” (effetto pesce)
durante una performance non è mai una cosa piacevole. Ci sono però situazione in cui sbagliare è ancora meno indicato, soprattutto se il lavoro è di una certa importanza e, perché no, pagato bene…

In questo senso vale la pena prevedere una scorta, delle base e del microfono, così da riuscire in pochissimo tempo a gestire e risolvere il problema.
La cosa più semplice da fare e mandare il play delle base musicale su due macchine fisicamente indipendenti così che nel momento che una vada in crash, laltra continui a funzionare.
Per attivare il play in simultanea sulle due macchine ci sono diverse modalità, che si basano sostanzialmente sul sync delle macchine (chi volesse approfondire questo aspetto può fare qualche ricerca in rete). Anche per passare da un canale all 'altro ci sono diverse opzioni, nel più semplice dei casi si può semplicemente attivare il più velocemente possibile i canali di scorta dal mixer, basta un minimo di prontezze e riflessi efficiente! Certo è possibile che ci sarà qualche secondo di pausa ma è una soluzione tutto sommato accettabile”, soprattutto considerando la semplicità di azione.

Per quanto riguarda il microfono invece il consiglio è sempre e solo uno: qualsiasi sistema wireless utilizziate, prevedere un microfono di scorta col caro vecchio cavo dritto dentro un canale del mixer. Credeteci, è ancora un metodo semplice ed utilizzato, a tutti i livelli!


Cablaggi:

Due parole vanno spese anche per i cablaggi. Il concetto è ancora una volta semplice e si riduce in pulizia”. Si avete capito bene, pulizia in termini di precisione nella cavetterie, cura nella posa dei cavi e delle linee di alimentazione. Evitare matasse, cavi troppo lunghi o peggio ancora cavi annodati e contorti renderà tutto il set up più chiaro e funzionale e permetterà di intervenire anche con più facilità qualora si presentassero problemi.


La voce: il microfono adatto a noi!

Visto che in una performance di pianobar la voce è una delle cose più importanti - e altrettanto spesso una delle poche cose dal vivo” durante lo show - è buona regola curarla con perizia, investendo magari qualche euro in più nell acquisto di un microfono di qualità, ma soprattutto scegliendo il microfono più indicato alle nostre caratteristiche vocali ed esigenze tecniche.
Salvo rari casi, un microfono dinamico è quasi sempre la soluzione più utilizzabile dal vivo, almeno in contesti di questo tipo.
Robustezza, maggior reiezione al feedback e semplicità duso lo rendono più adatto rispetto ai condensatori. Chiariamo subito che non esiste IL” microfono migliore e non esiste nemmeno lo standard assoluto come spesso si è portati a pensare. Esistono microfoni di buona qualità che hanno caratteristiche differenti, in termini di risposta dinamica e colorazione e che quindi si adattano meglio alla nostra voce. Il segreto? Andare in un negozio fisico e provarne alcuni, magari, se possibile, col proprio setup, così da capire con precisione la resa sonora.


I Sistemi Wireless

Wireless, significa senza filo e anche in questo caso la definizione spiega già ampiamente di cosa si tratta. Perché utilizzare microfoni senza filo? Certamente per avere più libertà di movimento e evitare lintralcio del cavo. Se però consideriamo il pianobar - ancora più che nel karaoke dove il sistema wireless è quasi un obbligo per ovvi motivi legati alla performance - il microfono a filo rimane sempre una valida scelta.
Cosa c’è da sapere sul wireless? In primis che, pur esistendo ad oggi sistemi di qualità ed affidabilità notevoli, il malfunzionamento è sempre dietro l angolo. Malfunzionamenti dovuti allo scaricarsi delle batterie del microfono, all interporsi di ostacoli tra il microfono e la ricevente, ad eventuali problemi legati alle interferenze con le frequenze di trasmissione.
Esistono sistemi con la portante di trasmissione analogica, digitale, sistemi semplici ed anche molto evoluti, a voi gli approfondimenti del caso ( microfoni wireless ) ed a voi la scelta. Il nostro consiglio è che, quando non è necessario, il caro vecchio filo funziona sempre, ma se preferite un sistema wireless allora una macchina stereo può fare al caso vostro.


Riverbero:
A ben vedere anche i mixer di una certa qualità possono offrire effetti quali riverberi, delay, chorus, adeguati quindi non sempre una macchina esterna si rende necessaria.
A questo punto però, prima di qualsiasi altra divagazione sul tema, vogliamo esordire con una raccomandazione, che suona quasi come un appello.

Vero che il riverbero fa sempre una certa atmosfera” e restituisce profondità, respiro ed magia a voce e strumenti ma, per favore, non esagerate! Questa è la prima regola. Il riverbero aggiunge”, quindi come conseguenza diretta oltre ai vantaggi di cui sopra, ha spesso anche la controindicazione di offuscare” lintelligibilità della voce, soprattutto se non vengono usati correttamente alcuni parametri. Quale riverbero usare? Una regola ovviamente non esiste, ma piuttosto sarebbe da valutare di volta in volta in base alla stanza dove ci troviamo a suonare. Se siamo in una sala ristorante da un centinaio di coperti, sarebbe abbastanza inadatto inserire un preset concert arena” con tempi di decadimento del riverbero vicini ai 3 secondi, non so se abbiamo reso l idea.

Oltre al tempo di decadimento, ossia il tempo espresso in ms o secondi in cui l effetto decade, un altro parametro essenziale è il pre delay” che si può trovare espresso anche in altri nomi ma che rappresenta il tempo, espresso in millisecondi, che intercorre tra l'arrivo del segnale al dispositivo di riverbero e l'inizio effettivo del segnale riverberato. Prima di quella finestra temporale il suono è quindi dry”, senza effetto. Sconsigliamo di usare valori prossimi allo zero, ma neppure esagerare troppo con questo ritardo, causa strani delay acustici, generalmente sgradevoli.


Pronti per la scelta!?

Abbiamo parlato di mixer, microfoni, cablaggi, effetti ed adesso vorremmo guidarvi, se possibile, nella scelta.

La premessa è sempre quella che si abbia a disposizione un budget stellare, altrimenti il discorso si farebbe in parte più semplice.
Ecco quelle che sono le tre caratteristiche alle quali guardare prima di scegliere il mixer giusto:

  • semplicità
  • affidabilità
  • dotazione effettistica integrata
  • almeno 4 canali
  • almeno un AUX (per monitoraggio musicista)


Oltre ad aver individuato il mixer adatto ed il microfono giusto per voi, altre accortezza che possono fare la differenza dipendono solo da voi: cura nei cavi e nella strumentazione in genere e una organizzazione di base precisa e pragmatica potranno aiutarvi non poco...

Il catalogo SoundSation in questo senso può offrire veramente moltissime alternative e, peraltro, annovera prodotti molto completi, sia in numero di canali, effettistica onboard con anche la possibilità di abbinare player tramite bluetooth.



Prodotti correlati

PMX-4MKII

Mixer amplificato 6 canali con effetto e ...

POCKET-MIX

Mini mixer a 4 canali con alimentatore

MIOMIX 104

Mixer Audio Professionale a 5 Canali con ...

ALCHEMIX 402FX

Mixer Professionale 8 Canali con Multief ...

MIOMIX 204FX

Mixer Audio Professionale 6-Canali con M ...

MIOMIX 202M

Mixer Professionale 4-Canali con Media P ...

PMX-8UBT

Mixer amplificato 8 canali da 300W max. ...

NEOMIX-102

Mixer a 3 canali supercompatto con noise ...

MIOMIX 404FXM

Mixer Audio Professionale 6-Canali con L ...

ALCHEMIX 802UFX

Mixer Professionale 12-canali con Multie ...

LIVEMAKER 1021 MIX

Sistema PA 2.1 Portatile da 900W con Mix ...

LIVEMAKER 1521 MIX

Sistema PA 2.1 Portatile da 1500W con Mi ...

BLUEPORT FX

Sistema Pa 2x100W portatile con mixer at ...

MIOMIX 404FX

Mixer Audio Professionale 8-Canali con M ...

YOUMIX-202 MEDIA

Mixer Professionale 6-Canali con Lettore ...