Cerca Prodotti

Ricerca semplice in 3 passi

Torna alla panoramica

Fabrizio Dadò da Fabrizio Dadò
il dicembre 13, 2021

​Amplificatori ed effetti: come ottenere le migliori interazioni.


La stessa chitarra e lo stesso pedale suonano in modo diverso a seconda dell’amplificatore a cui sono collegati!

L’affermazione può sembrare banale, ma in realtà le nostre attese sonore possono essere deluse o soddisfatte in base a come amplifichiamo strumento ed effetti. In questo articolo ci dedichiamo alla relazione tra amplificatori e pedali per chitarra elettrica, dando per scontato che chi legge conosca gli argomenti trattati in altri articoli del blog Soundsation su: organizzazione della catena effetti, grandezze elettriche coinvolte, tipi di buffer e bypass.

Ci occupiamo in modo succinto e comprensibile dell’accoppiamento tra effetti a pedale (anche detti stompbox) e amplificatori per chitarra elettrica, dando per scontato che chi legge conosca già le differenze tra i vari effetti a pedale disponibili per chitarristi e bassisti.

Nell’articolo punteremo l’attenzione su effetti dinamici quali compressori, booster, equalizzatori, overdrive e distorsori.

Le grandi famiglie di amplificatori

Ai fini dell’accoppiamento con gli effetti possiamo suddividere gli amplificatori in quattro grandi famiglie:

  • Valvolari 1: Fender Tweed (Bassman) e primi Marshall (JTM, JMP)
  • Valvolari 2: Fender Blackface, Mesa/Boogie serie Mark
  • Amplificatori multi-canale
  • Solid-state e digitali


Premessa

Prima di andare avanti, una precisazione e un suggerimento: molti chitarristi, soprattutto hobbisti e collezionisti, tendono a spendere molti più soldi in chitarre che in amplificatori. Bene, a mio avviso anche nel nostro campo varrebbe la pena adattare la cara vecchia regola dell’Hi-Fi: il budget va suddiviso grosso modo al 50% tra il binomio lettore + amplificatore e le casse (o monitor o ascolti che dir si voglia). Trasportando il concetto alla chitarra elettrica, spendiamo per il nostro amplificatore (o testata con cassa) una somma paragonabile a quella spesa per la chitarra! Ricordiamoci sempre che un grande amplificatore fa suonare bene anche una chitarra mediocre, mentre una grande chitarra non fa suonare bene un amplificatore mediocre. Non solo: la qualità della parte elettronica dell’amplificatore deve essere commisurata a quella dell’altoparlante (o speaker o cabinet che dir si voglia), che influisce per un 50% sull’esito timbrico totale dell’ampli. Anche qui, un amplificatore mediocre si giova di un ottimo altoparlante, un ottimo amplificatore è penalizzato da un altoparlante scadente o inadatto ai nostri scopi timbrici. Estendendo i concetti espressi, è assurdo avere una pedalboard che vale più dell’amplificatore che ne riceve il segnale: bilanciamento è la chiave per un sound di qualità, a meno di non essere dei creativi fuori da ogni regola e contesto! Nell’articolo darò quindi per scontato che il nostro amplificatore sia di qualità adeguata alla chitarra e agli effetti ad esso collegati.


Amplificatori valvolari - 1

Il concetto di base da tenere in mente di qui in poi è che esistono disegni di amplificatori con la sezione di equalizzazione posta a valle della “distorsione”, come quelli descritti in questo paragrafo, e altri con la sezione di equalizzazione posta a monte della “distorsione”, come quelli del paragrafo successivo: questo comporta una differenza sostanziale nel comportamento timbrico e nella relazione con i pedali effetto.

I Fender Bassman Tweed e i primi Marshall condividono a grandi linee il disegno circuitale, con i controlli di tono a valle del guadagno. I Marshall degli Anni’60 e ’70 si distinsero per la scelta di cabinet chiusi con altoparlanti da 12” e di valvole EL34 per i finali, che hanno definito il British sound.

Questi amplificatori e i loro simili e derivati sono grandi digeritori di pedali effetto! Anzi, possiamo dire che i pedali sono nati e si sono sviluppati con loro. Colleghiamo un buon booster, un overdrive, un effetto di modulazione analogico e otterremo un suono grosso, avvolgente e caldo.


Più problematica la gestione di effetti di ritardo e ambiente, del resto non prevista all’epoca della nascita di questi amplificatori, quando il delay era quello dei nastri e i riverberi erano affidati a molle e lastre. Aggiungiamo agli amplificatori indicati i pulitissimi Hiwatt e i caldi Vox inglesi.


Amplificatori valvolari – 2

Approdando ai Fender Blackface (Twin, Deluxe, Princeton, etc.), la selezione degli effetti dinamici si fa un po’ più delicata. All’orecchio sono ampli caratterizzati da una bella presenza di bassi e alti, con medie un po’ tagliate, da cui dipende la loro apprezzata nitidezza sonora. La loro distorsione naturale tende quindi a esaltare bassi e alti, con il rischio di perdita di definizione dei primi e asprezza dei secondi. Un booster renderà, amplificata, questa caratteristica di base. Un overdrive o un distorsore devono avere un timbro di base caldo e ben equalizzabile già sul pedale, ed è sempre possibile o consigliabile aggiungere alla catena effetti i sottovalutati pedali di equalizzazione e compressione.

Il Mesa/Boogie Mark 1 deriva dal disegno Blackface (in origine, un Princeton) con l’aggiunta di un circuito di gain regolabile, quindi le considerazioni fatte valgono anche per la serie Mark e gli amplificatori a due canali simili (clean + stadi di guadagno in cascata), tenendo presente che dovremo dosare l’uso degli effetti a seconda del canale in uso: bene overdrive e modulazioni sul clean, bene gli effetti dinamici in genere sia su clean che su lead, ma tenendo conto della differenza. Non a caso Randall Smith (fondatore del marchio) dotò di EQ grafico solid-state post-gain alcuni modelli Mark; un buon pedale equalizzatore, anche se lavora a monte del gain dell’ampli, è di aiuto nel definire una distorsione che tende a slabbrarsi sui bassi e ingolfarsi sulle medie.


Ampli multi-canale

Gli amplificatori a valvole multi-canale moderni tendono a offrire un compromesso buono per tutte le stagioni. L’ideale potrebbe essere un canale clean tipo Blackface, un crunch tipo Tweed/Marshall, un lead tipo Mesa (Blackface “moddato”) o Soldano (JCM800 “moddato”) e oltre secondo i gusti, fino al metal estremo. Alla luce di quanto esposto, si può facilmente capire che non c’è una soluzione unica o facile.

Va inoltre considerato che i canali di preamplificazione non sono i soli a definire il suono generale del nostro rig, che cambierà secondo il tipo di finale (per classe, valvole, raddrizzamento) e di altoparlante adottati!

Teniamo presente che quando facciamo una scelta dovremmo poter provare insieme chitarra, effetti e amplificatore; cosa non sempre facile ai tempi degli ordini online, ma evitiamo di operare alla cieca, acquisendo informazioni da professionisti, siti, blog, video (con buoni monitor) e magazine online.


Ampli solid state e digitali

Un buon amplificatore solid state può essere una scelta obbligata dal punto di vista economico. Ce ne sono di ottimi, ma, rispetto a quelli dei valvolari, i canali clean di questi ampli non si “ammorbidiscono” timbricamente sotto la spinta di overdrive e booster; quindi privilegiamo pedali analogici con una sonorità calda e un attacco morbido.

Quanto detto vale anche per buona parte degli amplificatori digitali, soprattutto per i più economici. Un amp model digitale ben fatto, infatti, dovrebbe reagire a un pedale come il riferimento analogico, ma resta il problema di finale e altoparlante, solitamente a banda maggiormente estesa a favore della versatilità; salvo eccezioni note, meglio quindi usare gli effetti onboard, pensati per l’uso specifico.


Qualcosa sugli altoparlanti

Sempre nell’ottica di raggiungere un buon compromesso, la scelta dell’altoparlante è fondamentale per l’interfacciamento con gli effetti, soprattutto di distorsione. Esemplificando, una modifica classica è la sostituzione del cono Jensen o Eminence di un ampli Fender con un Celestion per avere una distorsione più pronta e gradevole. In realtà buona parte delle Case oggi fornisce soluzioni per tutti i gusti. La Mesa/Boogie nel tempo ha offerto sui suoi amplificatori coni Electro-Voice (pulitissimi e robustissimi), Eminence (adatti a molti generi) e Celestion (orientati al rock), tutti denominati Black Shadow, ma timbricamente diversi tra loro per venire incontro ai gusti e alle tendenze dei generi musicali e dei tempi.


Qualche regola

Se cerchiamo distorti di qualità, equilibrati e versatili, teniamo presente che:

  • sono da preferire gli amplificatori semplici, se possibile un buon mono canale o al massimo un due canali
  • più l’amplificatore è complesso e ricco di regolazioni e utilità, più difficile sarà far quadrare il suono con i pedali, perché la somma di circuiti tende a far perdere dinamica, la famosa “pacca”
  • i canali clean molto puliti e definiti tendono a essere anche molto brillanti; usando l’overdrive sbagliato, ne potrà risultare una distorsione aspra e scavata sui medi, che però può essere utile per il metal; ad esempio, due effetti apparentemente molto simili come un overdrive ispirato al TubeScreamer e uno di matrice British danno risultati apprezzabilmente diversi: più pieno il primo, più asciutto il secondo: quale useremmo con una chitarra tipo Les Paul e… Con quale ampli?

  • Per variare il menu delle accoppiate con i nostri pedali e chitarre, consideriamo la possibilità di possedere più di un buon amplificatore e godere di suoni diversi da elettroniche e altoparlanti diversi.


Bene, ultimo consiglio: ascoltiamo i dischi e i video storici, soprattutto live, e ricerchiamo notizie sulla strumentazione usata quando desta il nostro interesse. E non dimentichiamoci del concentrato tecnologico tutto fare sul nostro desk: ci sono voluti decenni di accoppiamenti ampli/effetto giusti e sbagliati per mettercelo a disposizione!

Fabrizio Dadò